sabato 12 novembre 2011

Esoticità e il giorno del ricordo

La raccolta dei kaki e kiwi mi ha messo a dura prova, ma appena il calendario scatta sul mese di novembre, penso già al weekend che dedicherò a questa incombenza, con molto entusiasmo! Casa di mamma non dista molto da casa mia, non sono nemmeno molte le piante da cui raccogliere i frutti, 2 kiwi e un caco, è più il folklore che ci metto attorno che mi entusiasma! e non è assolutamente un sacrificio.
Così ieri mi ci sono messa d'impegno e il risultato sono state due cassette zeppe di kiwi, e circa 7 di kaki... una scorta per le nostre famiglie per l'inverno che verrà ^^
Occuparsi della natura e starsene immersi in natura è ciò che di meglio si possa fare. Senza pensare a nulla, tutti i pensieri si allontanano, ci si allontana pure dall'attesa di dimissioni e nuovi incarichi, chiacchiere e nuove speranze, urli e sbraitamenti inutili. Inutili sì, perchè con questi sfoghi nulla si fa. Un po' mi danno fastidio, queste dimissioni sono arrivate perchè B. al G20 nessuno se l'è filato, e alla fine le pressioni dell'UE gli hanno fanno prendere questa decisione. Sono stata sintetica, ma la sostanza è questa. Vale più la politica internazionale che quella interna, e ci si ritrova a dover noi subire.
Ricordiamoci che saranno comunque mesi lunghi, duri e che comporteranno sacrifici. Al governo ci andrà un direttivo non direttamente scelto dal popolo, un tampone...che preferisco alle elezioni immediate, perchè mi auguro che prima arrivi un referendum per abolire l'attuale legge elettorale e successivamente venga subito convertita in legge. Poi si potrà votare. Finalmente. e finalmente qualche viso reale  e che abbiamo seguito nelle campagne elettorali ci potrà rappresentare in Parlamento. Io ci spero tanto.
Or ora, qualsiasi decisione prenderà il nuovo governo si dovrà digerirla anche se non ci va??? Una domanda che un po' mi assilla.
Non è che con B. non più a capo del Governo ci si ritrovi improvvisamente in paradiso..., qualcosa di forte per risanare il Paese e rimediare agli errori passati dovrà comunque accadere, e coinvolgerà anche le masse più deboli. Tagli/patrimoniale e tante altre che leggo in rete ... voglio prima vedere realizzarsi qualcosa prima di giubilare.

Così mi butto a lavorare in cucina: un altro momento che adoro che mi aiuta ad evadere con la mente è starmene in cucina ad impastareINVENTAREprovareSBAGLIARE
(non è che non ci voglio pensare, ma a volte mi rendo conto che penso troppo, e il mio guscio ne risente ^^)
.... e così vi lascio con una ricettina veloce, gustosa per un thè con le amiche, ma anche per una colazione gustosa ed esotica, sono i Biscotti al cocco di Ann: quando vedo cocco gli occhi mi si illuminano, e vista questa ricettina molto semplice ho subito voluto provare. Così, tostato 125 grammi di cocco disidatato, quando si è raffredato l'ho mescolato alla stessa quantità di farina (io semi.integrale), 125 grammi di zucchero (io di canna), una grattatina di noce moscata, un pizzico di bicarbonato e acqua quanto basta a formare un'impasto sodo da tirare. Sarà un po' difficile all'inizio amalgamare il tutto, ma non demordete, dopo un po' il cocco inizierà a espellere il proprio grasso e aiuterà a idratare il composto.
In frigo per un'ora, poi l'ho steso sulla spianatoia e creato tanti piccoli biscottini che ho cotto il forno a 180 gradi per 15 minuti. Lasciati asciugare sulla gratella, ma irresistibili da subito, non ho saputo trattenermi e uno me lo sono subito mangiato.
Lo so, non c'azzecca con quanto ho scritto sopra, però voglio ricordarmi di questa data storica con la mia quotidianità e questa ricettina voglio renderla simbolo del ricordo,,, sìsìsì, stiamo vivendo la storia, in questi istanti la stiamo vivendo e non ce ne rendiamo conto...MA IO LO VOGLIO, VOGLIO RICORDARE, perchè ricordare aiuta a far di tutto per non incorrere in altri E/O- rrori.

5 commenti:

  1. io e il cocco non andiamo molto d'accordo ma io e i biscotti sì. ci metto il cioccolato bianco ecco ^^

    sul resto......non ho nulla da festeggiare su questa crisi di governo, perchè è lo specchio di come siamo noi oggi in Italia, e non mi rassicura affatto.

    un bacione.
    Bibi

    RispondiElimina
  2. I biscotti sembrano fantastici, per la situazione politico-economica ... Io, speriamo che me la cavo! (dove io identifica l'Italia) ;-)

    RispondiElimina
  3. Il cocco e la vaniglia sono in assoluto i miei dolci preferiti, quindi non posso esimermi dal provare questi biscotti, li chiameremo i biscotti Scacciaguai...speriamo funzionino! Ciaooo

    RispondiElimina
  4. iniziamo dai biscotti che sembrano proprio buoni e croccantini, adattissimi per un thè caldo. continuiamo con l'invidia per la raccolta dei kiwi (non ne ho mai raccolto unooooo!!! :) ) e finiamo con la politica. Sono stata contenta nell'immediato delle dimissioni di quell'individuo. Un po' meno contenta e incerta su questo governo tecnico, ma staremo a vedere. Certo, sin quando non vareranno una legge elettorale che porti a governare la diretta volontà dei cittadini, abbiamo voglia a votare... spero comunque che venga qualcosa di meglio e che noi tutti cominceremo a partecipare di più alle decisioni che si permettono di prendere per la nostra vita.

    RispondiElimina
  5. @Bibi! il cioccolato bianco è da veri golosi! dimmi dove trovi quello vegan, che mi hai fatto venir voglia di provarlo!!!!
    Nonostante le preoccupazioni, ho un ottimismo innaturale in sti giorni - periodo anzi - che mi dà la forza di vedere tutto al meglio, o di trovare il meglio dal peggio e di volere il meglio per non ricadere nel peggio !!! O_o

    @Nadir e allora ci organizzeremo per un picnic sui colli Euganei con queste chicche di dolcezza!!!

    @Spirulina, incrociamo le dita!!!

    @Herbivorconfessions, biscotti e thè...la loro fine è quella. E se non ci sono le ciacole delle amiche va bene pure un bel film!

    RispondiElimina

Vostri e miei Raggi di Sole ^^