martedì 24 aprile 2012

Arcobaleno

L'Elena pensiero pervade, in me soprattutto.
E quello che accade è che poi mi ritrovo a includere nell'Elena pensiero, che è pure Elena sentire, tantissime cose che vedo e sento e odoro e tocco e gusto.
Che sia il periodo? che sia la primavera? Che sia la tesi?
Beh, qualcosa è accaduto sta di fatto che, tanto per condividere (che ultimamente mi piace):

- sono settimane che mi alzo con il sorriso, e precipitata in macchina per andare a lavoro, canto per tutti i 16 km che faccio per arrivarci;
- mi sento veramente bene, non m'importa della pioggia, non mi condiziona minimamente, e anzi me la prendo visto che c'è. Esco senza ombrello, in caso capelli raccolti così non s'arricciano...
- ho deciso che è giunta l'ora di fare le cose con più calma, soprattutto a lavoro, una cosa alla volta. Già mi veniva bene, ora devo ottenere il buono per poi aspirare all'ottimo...
- ho cambiato punto di vista, mi sono auto-costretta ad osservare chi mi sta sulle balle, sotto un'altra luce...e il risultato è stato positivo. Ogni persona mi trasmette dei lati positivi e così mi apro unicamente a quelli. Provare per credere. Ho anche tagliato diversi rami secchi. E la linfa scorre meglio.
- in cucina ci voglio ritornare con lo stesso impegno di mesi fa. Però la mia autoproduzione di pane con la mia pasta madre è costante  e benefica. Sento che è parte delle mie energie, e percepisco il suo nutrimento. E' un sentire sottile, ma c'è e mi rende ... felice, sì!!!!




Non mi aspetto nulla, mi allargo all'universo ogni giorno. Questo sì che lo faccio. Mi allargo, lo sfioro, e questo piace a entrambe, uno scambio reciproco.
E ricordare che dopo la pioggia, esce il Sole ...

15 commenti:

  1. che bella visione positiva. Mi sono immedesimata in quello che hai scritto, le tue parole hanno reso perfettamente il tuo stato d'animo. sono felice che tu sia felice, sicura e serena.
    ti mando un abbraccio e grazie per i sorrisi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Herbi, ricambio abbraccio e sorrisi! Buon primo maggio!

      Elimina
  2. Che meraviglia questo post! Trasmette davvero gioia di vivere.
    A me è capitato lo scorso anno un periodo così, stavo così bene...però è durato poco tempo, non sono più riuscita a ritrovare l'onda...ma la ricerca continua eh!
    Attendo il Sole che verrà.
    Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Spirulina! continua la ricerca, a volte la soluzione è veramente lì, ma proprio lì...dentro di te!

      Elimina
  3. Bellissimo post.... riesci a trasmette serenità :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felicie, smackete! buon primo maggio!

      Elimina
  4. Bello spirito positivo, mi piace spero di prenderene un po' pure io ...
    p.s. ma la foto che ci accoglie nel tuo blog è Riva del Garda/Torbole; se non lo è ci assomiglia un sacco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alligatore, dai che t'arriva sto "spirito" :)
      la foto è scattata da Riva del Garda, verso il tuo monte Baldo ;)
      ricordo tutto di quel giorno, mi ricorda come le belle cose possono esistere anche se dentro di senti male (avevo appena avuto la notizia che un amico non ce l'aveva fatta dopo un incidente in moto...)

      Elimina
  5. E si lo dico sempre anch'io che dopo la tempesta torna sempre il sereno :-) Sei un vulcano di positività :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chicca, bella e positiva te! mi piace questa tua affermazione!!!!
      Grazie del vulcano ^_^

      Elimina
  6. è un piacere leggere post così pieni di luce! Prima di tutto ti faccio i complimenti per la tua applicazione dell'Elena pensiero, che altro non è se non ascoltare sé stessi e le proprie esigenze, ma come sai di sicuro non è così facile arrivarci (io ci provo tutt'ora) quindi...grande!! Fra l'altro son tutti spunti che farei bene a ricordarmi quando i nuvoloni prendono il sopravvento. In particolare, quello di dare più chance anche alle persone rompiballe e poi darci di cesoie con chi non ci arricchisce fa stare bene, ma bene bene. Soprattutto,a volte ad essere gentili ci si riempie di calore e basta, se si prende come impegno finisce che non ci si deve neanche più sforzare di farlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Natadimarzo, come dicevo a Spirulina, è lì dentro di noi il pulsante da premere per star meglio. La cosa difficile è trovarlo, e poi saperlo usare.. mhmmm... io ci lavoro, mi diverto a farlo, perchè non mi sento mai arrivata, ma sempre in partenza per nuove rotte...

      Elimina
  7. Bene, mi ha fatto bene leggere perché venerdì ho fatto un piccolo incidente e ho graffiato la mia macchina e quella di un tizio, ma questo ha urlato e bestemmiato così tanto che sono passati gia' tre giorni e ancora piango in continuazione. Non mi capita spesso di avere a che fare con persone tanto aggressive e forse non ci sono abituata, e mio marito non torna fino a domani quindi non ho avuto neppure il modo di sfogarmi con lui. Ma forse e' meglio... tornavo a casa in quello stato e magari questo si metteva a cercare il tizio e finiva anche peggio!! Che vergogna però, mi son messa a piangere davanti al carrozziere poveraccio e poi al telefono con l'assicurazione tanto che pensavano tutti che mi fossi fatta male! Ma forse ascoltare le mie esigenze in questo momento significa darmi una bella sfogata! E poi pensare che sicuramente presto starò meglio perché smette sempre di piovere anche quando pensiamo che non sia così. Grazie per il post!
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Alessandra, e che bello piangere e sfogarsi anche con il povero carrozziere! e siamo umani, viviamo di emozioni, e per fortuna abbiamo anche chi ci sorregge e subisce ogni nostro sfogo! (poveri mariti...)
      Smack!

      Elimina

Vostri e miei Raggi di Sole ^^