giovedì 1 dicembre 2011

Di parole si parla

Riflettiamo un attimino.
Quante volte veniamo ammaliati dalle belle cose, ci facciamo testimoni del volersi bene, diciamo "io non giudico e amo tutti", e poi facciamo tutto il contrario? Credo non ci siano persone che al 100% si fanno contorno di amore e felicità con tutti, prima o poi ci si casca, in un piccolo inghippo ci si imbatte.
Sono stata  protagonista di una grande maldicenza e bufala, che mi ha molto ferita e che mi ha fatto anche incazzare perchè esula da quello che sono io, dalla mia essenzialità.
Poi riflettendo mi sono pure resa conto che le maldicenze sono frutto di interpretazioni e passaparola che danno adito a maliziosità, invidia e giustificano cattiverie altrui, e i pettegolezzi di orecchio in orecchio e bocca su bocca diventano irrealtà in un batter d'occhio. Ammetto di esserci cascata pur io in questi tam tam, che mi sento colpa aver espresso sentenze senza alcun fondamento e magari aver fatto soffrire quanto soffro ora io qualcunaltro  (e ve lo dico di cuore, non è parte di me il pettegolezzo, sono così pragmatica in certe cose che finchè non vedo non mi azzardo a giudicare, haimè a volte si viene coinvolti...)
Così vorrei prendermi un impegno: cercare di esulare ancora di più di quello che già faccio da chiacchere e giudizi altrui. E invito chi mi legge e pensarci bene a loro volta quando si trovano di fronte a situazioni del genere a prenderne la distanza e semmai testare e andare a fondo nelle cose.
Mai buttare parole a casaccio, le parole hanno il loro peso.

E sempre in merito alle parole concludo con un'altra breve riflessione. I testi delle canzoni.
Io spesso me li leggo, li ritengo una forma di poesia moderna, ce ne sono di così belli e profondi che mi lasciano il segno. Tendo a farmi piacere quelle canzoni dove trovo un legame con me, ma mi capita altre volte di afferrare quel legame intimo solo musicalmente. E continuo ad ascoltare di tutto, la musica è un insieme di petali e sfacettature che riempiono il nostro essere.

E a voi, che accade con la musica e le parole?

8 commenti:

  1. Personalmente anche io cerco di "non giudicare" a priori, mi fido molto più delle sensazioni.
    Per musica e parole, invece mi lascio prendere prima dalla musica e poi studio le parole, inevitabilmente testi la cui musicalità non incontra il mio gusto me li perdo... che vuoi fare? è la vita ;-)

    RispondiElimina
  2. Concordo con te. Le frasi che passano di bocca in bocca, deformandosi e cambiando contesto e significato a seconda dell'interpretazione della persona che sta sparlando o parlando sono sempre un problema. ingigantiscono una situazione di base sino a volte a farla diventare insostenibile. meglio tenersi lontani da certe cose.

    RispondiElimina
  3. ElenaBellissimoSole......no, nessuno è esente da emozioni umane, e pertanto tutti (ma proprio tutti) giudicano, pesano, preferiscono, dicono, aborrono, amano.
    Noi siamo (anche) tutte queste cose, personalmente mi piace essere anche queste cose e non me ne faccio un cruccio, ma le prendo con una certa leggerezza.
    E se diverso tempo fa mi capitava di avere reazioni rabbiose ed esagerate, ora non più, sorrido e penso: "Bè, l'hai fatto anche tu quella volta lì, che tu puoi essere umana e imperfetta e gli altri no? E allora taci e sorridi, e fanne tesoro".
    baci.
    Bibi

    RispondiElimina
  4. Casco molte volte (anche in trappole), ma poi mi rialzo, come hai fatto tu con questo bel post. Sulle parole delle canzoni, dipende dal momento e dalla canzone. A volte mi piace la loro musicalità, indipendentemente da quello che dicono, altre volte mi piace quello che dicono, le sottoscrivo, solo per quello che dicono.

    RispondiElimina
  5. Cara Elena, allora siamo in due in questo periodo. Sono state riferite ad altri cose da me mai dette che rasentano la calunnia, e si sta male, davvero male, l'unica è allontanarsi dal giro e prendere le distanze se si può. Forse ho esaurito le lacrime insieme alla voglia di capire. Ma farò tesoro anche di questo.
    Per quanto riguarda le canzoni anche io sono come Alligatore, a volte conta di più la musica, altre volte sono rapita dalle parole che continuano a riechegiarmi in testa.

    RispondiElimina
  6. @Nadir,quel priori c'è...difficile tenerlo sempre attivo!!! ^^ proviamoci, dai!
    @herbivorsconfessions, irrimediabilmente ci si casca. Quello che mi preme di più è non far cadere qualcun'altro, sarebbe contro la mia etica! mi ci metto di massimo impegno ^^
    @Bibi, cara la mia Bibi che sa sempre tirarmi su e viaggia su le mie onde e mi mette nuda e cruda la realtà davanti! di tesoro ne sto facendo molto, in tutto ciò che vuol essere buio nella mia vita cerco di tirarne fuori quel po' di barlume per farmi crescere ^^
    @Alligatore, vero quel che dici, io a volte mi faccio pure influenzare dal carisma dell'artista e da come si esprime sul palco...vuoi sapere il mio ultimo concertino? Fabio de Min e un orsominore (tua recente chiaccherata in palude ^^)...
    @Spirulina, pur io rasento la calunnia, e ho tagliato nettamente ogni contatto con quelle persone. Stranamente non riesco a fare una lacrima. Io, soprannominata "piangiotta", non mi riesco a spargene una.

    RispondiElimina
  7. Leggo solo ora e dico: fantastico, gran bel concertino, e non lo dico perchè conosco unòrsominòre. da quando era più piccolo. I primi suoi concerti, con la band dove c'era un mio ex compagno di scuola, più di 10 anni fa, quando cominciavo a trasformarmi in alligatore; mi hai quasi fatto commuovere, ma niente lacrime di cocco ;)

    RispondiElimina
  8. @Alligatore, eh sì bel concertino e a me lì sembra di essere a casa, manca solo la copertina che accompagna piacere e relax ^^

    RispondiElimina

Vostri e miei Raggi di Sole ^^