domenica 6 novembre 2011

Autunno, colori e un contest

Adoro l'autunno.
Sono nata in autunno e ritengo di sentirmelo addosso proprio come stagione.
E' la stagione con i più bei colori che ci possono essere, le foglie esprimono il meglio di sè e poi improvvisamente si lasciano andare, l'avete mai notato? Questo loro dolce fluire nell'aria, si fondono con tutto ciò che c'è attorno. Ad osservarle ci si riscopre così lontani dalla natura, invece di farsi trasportare anche noi da questa fusione, tendiamo a spezzare queste leggi naturali. Ma la natura tutta assieme ci dimostra di quanta maggior forza ha e la miglior cosa è divenirne consapevoli e farne parte attiva, riconoscendo a rispettando il reciproco rispetto.

Una cosa che mi piace fare è godere delle foglie secche, di passeggiate sentendo il loro rumore sotto i piedi, il profumo di marciume di verde e rami spezzati. Dove vivo è un po' difficile addentrarsi in campagna aperta, ma anche il solo fatto di intraprendere qualche viuzza del paese iper-civilizzato mi fa sentire bene.
 E poi le giornate ahimè si accorciano e allora che fare? Nei miei pomeriggi liberi ho voglia di  portare i colori in casa e mettermi all'opera nella mia cucina. Mi fa stare bene. Sento che è quello di cui ho bisogno in questo periodo.
E così ottobre è iniziato mettendomi alla prova con la pasta madre: l'ho generata, la sto cullando, dà degli ottimi risultati e a breve la farò conoscere anche qui. Ora una pagnotta sta completando la sua lievitazione dopo che ieri ho rinforzato la biga legandola in un canovaccio e lasciandola lì stretta a soffrire. L'effetto è stato impressionante, rumoreggiava e si è talmente gonfiata che parti dell'impasto sono fuoriuscite da fagotto che avevo creato. Leggi naturali che mi affascinano e mi fanno riflettere: lì, nella fermentazione, l'uomo non ci può metter mano, sono forze che non possiamo proprio intaccare...
Dopo il pane,  è venuta l'ora della zucca: l'arancione nei  piatti è ciò che preferisco e  l'orticello del suocero ce ne ha regalate una svariata quantità! La cosa che mi piace della zucca è la sua genuinità. Con poche sementi recuperate da quelle mangiate l'anno prima, e gettate ai bordi dell'orto, vicino alle zone incolte, loro si lasciano crescere senza aver bisogno di essere osservate e curate. Sono così in simbiosi con tutto ciò che le circonda che è inevitabile che le ami, rappresentano la genuinità pura.
E stessa cosa con i kaki che stanno arrivando or ora ... sempre arancione e vitalità. quasi che la Natura non voglia scoraggiarci per l'arrivo delle basse temperature; è lì pronta a offrirci il meglio di sè con frutti che solo a vedere ci scaldano il cuore.

E così ieri, tra i miei vari esperimenti culinari di cuoca casalinga in erba, mi sono cimentata in questa pizza-non pizza fatta con il recupero della polenta fatta il giorno prima. E' di una semplicità unica, senza glutine, e un piatto unico  che sazia e porta il sorriso.
Gli ingredienti necessari sono:
- 500 gr di polenta del giorno prima
- 1 uovo felice
- gorgonzola a piacere
- zucca lessata
- sesamo
- olio d'oliva e sale q.b.

Stemperare la polenta in una terrina con un cucchiaio di legno, aggiungere l'uovo e creare un composto omogeneo. Lasciar riposare un'oretta, poi in una teglia da pizza, stenderlo aiutandosi di una paletta unta d'olio.
Stenderci sopra il gorgonzola a piacere, a tocchetti, e poi sopra il tutto la zucca lessata precedentemente resa in purea con un forchetta. Il tutto deve avere un aspetto rustico, non perdiamoci in dettagli, con la polenta ci si può abbandonare all'istinto!!! sopra il tutto una spolverata di semi di sesamo, un filo d'olio d'oliva e un'aggiustatina di sale!
Pronta per essere infornata, a 220 gradi per 20-25 minuti, poi grill per altri 5 minuti per creare un po' di crosticina e rendere il fondo più compatto.
Sfornare e abbuffarcisi sopra, subito, immediatamente come abbiamo fatti noi, e noncurante della foto così anti.estetica ve la propongo lo stesso! ^_^

E in vena di nuove conoscenze che sto facendo in rete, e invogliata dai mille contest che ci sono in giro, con questa ricetta partecipo al contest di Su le maniche!
Un gioco che voglio abbinare alla divulgazione della cucina vegetariana! come vedete, la semplicità e gli ingredienti a km zero non azzerano la creatività, anzi, sono buoni, riscaldano l'anima soprattutto fanno bene alla natura.
Non dimentichiamoci del rispetto reciproco...forse iniziando dalla tavola può essere un buon inizio per renderci maggiormente consapevoli....


17 commenti:

  1. al contest ovviamente tifo per te!! anche se a dir la verità mi pare ci siano altri blog del mio blogroll che partecipano.....ma pazienza, tifo per te assolutamente :))

    la ricerca della semplicità può altrimenti chiamarsi decrescita in taluni casi, tipo questo...risultato: felicità :))
    un bacione.
    Barbara

    RispondiElimina
  2. buona la polenta trasformata!!! in ogni modo la rigiri, la polenta è sempre buonissima! e questo tuo modo mi stimola assai, anzi mi fa proprio venir fame!
    veg è bello!!! brava!

    RispondiElimina
  3. @Bibi, grazie per il tifo!!! ^^ poi lo sai, abbiamo lo stesso obbiettivo e poi ci piace e se ne esce qualcosa si riceve ^^
    Decrescita, felicità o riscoperta dei sapori veri e antichi dei nostri nonni, sta di fatto che tutto ciò mette il sorriso e a me piace!!!

    @Donatella, provala e poi fammi sapere. Viene bene anche riscaldata il giorno dopo ^^ e con poca spesa si riesce a mangiare! e inoltre è versatile, la si può condire come piace...devo provare con una salsina di tofu e spezie che spesso faccio come antipasto!

    RispondiElimina
  4. La zucca e la polenta non credo di averle mai abbinate, e la proverò, ma senza il gorgonzola, anche da onnivora non sono mai riuscita a mangiarlo ... figuriamoci ora!
    Anche io amo l'autunno (anche se son nata all'inizio dell'inverno) ma con sta pioggia incessante il grigio ti arriva in fondo al cuore :(

    RispondiElimina
  5. Nadir, non farlo arrivare in fondo al cuore! fallo rimbalzare sto grigio!!! ^^
    Al posto del gorgonzola, alternativa vegan già adottata per risotto gorgonzola e pere, è del tofu lavorato con della salvia a striscioline! secondo me ci sta benissimo ^^
    Ti invio un raggio di Sole tutto speciale e unico per te^^

    RispondiElimina
  6. Anch'io adoro l'autunno, anche se non sono per nulla in forma in quest periodo :-(
    Mi piace molto l'idea della zucca con la polenta :-)Anche in casa magievegandichicca è scoppiata la contest mainia :-)

    RispondiElimina
  7. Un raggio di Sole pure a te cara Chicca ^^ che scaldi anima mente e corpo :)
    Prova zucca e polenta, sarà un successo!
    Ah, il pane con la farina di grano duro lo è altrettanto, qui a casa marito lo chiede spesso, hai colpito anche stavolta!

    RispondiElimina
  8. Ancora coincidenze fra me e te: non ci crederai ma in cucina sotto un panno c'è la prima pagnotta fatta col mio ri-creato lievito madre in lievitazione, fra un paio d'ore via nel forno! Speriamo venga bene! Tieni da parte le chicche tecniche di cui parli nel post così ci confrontiamo...devo ancora imparare molto! Le zucche sono bellissime, fanno allegria solo a guardarle, mi fanno pensare al cocchio di Cenerentola...e le ricette "arancioni" sono superbuone,quindi buona fortuna per il contest ;)

    RispondiElimina
  9. Sembra davvero appetitoso! In autunno noi siamo praticamente zucca-dipendenti :-)!

    RispondiElimina
  10. come la passione per la zucca, anche l'autunno è una passione che ho scoperto da poco. come dici tu, è un'esplosione di colori, quasi a consolarci della stagione fredda imminente. prendiamola così, ancora pochi mesi di giallo e arancio e rosso!
    bella la tua ricetta, incrocio le dita per te per questo contest!

    RispondiElimina
  11. ciao cara piacere di conoscerti, è un vero piacere scoprire nuovi blog grazie alla nostra iniziativa! la ricetta è geniale,quasi un riciclo...e questoci piace! grazie e baci
    giady e kya

    RispondiElimina
  12. Concordo con te sull'autunno, non fosse per le troppe piogge sarebbe la stagione ideale.

    Bellissima idea la polenta-pizza, te la ruberò e veganizzerò :)

    RispondiElimina
  13. brava..riciclo e alimenti a km 0!! sono davvero d'accordo e poi ne è venuta fuori una ricetta davvero sfiziosa! a presto e grazie per aver partecipato

    RispondiElimina
  14. @Natadimarzo, le nostre onde si intrecciano, che belle energie! pure io ieri con pane, quello di Chicca al grano duro, è venuto una delizia! pronto per la cena di stasera, avrò ospite la mia amica Giulia di Riva d.Garda!!!
    @notedicucina, e chi non lo è!
    @herbivorsconfessions, e coccoliamoci con questi colori caldi ^^
    @sulemaniche, cerco di optare per le soluzioni fuori porta, uso gambe e bici per far la spesa senza per forza dovermi rivolgere a grandi iper, inoltre sono un amante e riesco ad assimilare solo la verdura di stagione! Pure il riciclo è il mio forte, non si butta via nulla!

    @Veganbiker, veganizza e poi fammi sapere, sono curiosa!!!!

    RispondiElimina
  15. Ma che meraviglia deve essere questa "Zulenta" al gorgonzola? Me la mangerei subito se l'avessi qui ora.
    Io devo avere invertito le stagioni perchè in questo periodo sono attratta da tutto ciò che è verde brillante...quasi fosforescente! Mah, se trovo l'interruttore del mio orologio biologico gli do una ritoccatina...

    RispondiElimina
  16. da provare! la "polenta del giorno dopo" mi piace particolarmente...e in questa versione mi ispira!!! ;)

    RispondiElimina
  17. @Spirulina, e che ritoccatina, sei già proiettata in avanti^^

    @Glo83, telepatia con te!!!domani dai un'occhiatina qui!!!

    RispondiElimina

Vostri e miei Raggi di Sole ^^