martedì 7 febbraio 2012

Sentire

"La quercia affonda le proprie radici nel profondo della terra ed eleva la propria lode al cielo.


Offre riparo a chi la riconosce e diffonde il proprio nutrimento anche a chi non ne ha coscienza.

Il vento più minaccioso può tentare di sradicarla, il fulmine la può incenerire, ma continuerà a vivere sotto un’altra veste.

Siamo querce, anime speciali che amano la vita.

Le ferite incidono la nostra corteccia, ma sono solo traccia del nostro coraggio e della nostra forza.

La linfa della vita nutre la nostra essenza …..
…. nessuno potrà mai cancellare la sacralità della nostra anima."

Sono le parole di Silvia....una delle mie comari, vera Amica, di quelle su cui posso sempre contare. Tra quegli amici così ristretti che dico sempre si contano su una mano...beh, una di quelli, Silvia....
...e ho lasciato a lei la parola perchè quello che sta vivendo è riuscita a trasferirlo in questa bellissima poesia...
...mi ha chiesto se potevo pubblicarla: certo, ovvio, a occhi chiusi l'avrei fatto...

Silvia, grazie, mai  dimenticare  l'essenza dentro di noi, nessuno può torgliercela....

8 commenti:

  1. che parole bellissime :)

    RispondiElimina
  2. meraviglia!
    i miei complimenti, Silvia!

    RispondiElimina
  3. non puoi sapere quanto sento queste parole.
    grazie a te, un abbraccio grandissimo, e grazie a Silvia, stringo anche lei.
    Bibi

    RispondiElimina
  4. Con queste parole Silvia è sicuramente una bella persona e ne ho la certezza sapendo che è tua amica, comare come l'hai chiamata tu :-)
    In questo momento mi sento come una guercia ferita nella sua corteccia...Un abbraccio Elena e anche a Silvia: continua a scrivere così :-)

    RispondiElimina
  5. sono parole bellissime: ho bisogno di sentirmi un po' quercia ora che il vento infuria, non solo fuori dalle finestre. Un abbraccio, e complimenti alla tua comare!

    RispondiElimina
  6. Complimenti Silvia per la meravigliosa poesia! Trasmetti energia pura e leggera!
    Grazie per ricordarci che siamo come le querce, gli alberi, forti e protratti verso il cielo!

    RispondiElimina
  7. Anonimo13.2.12

    La vita spesso ci chiede d'attraversare con coraggio venti minacciosi e fuochi ostili. Abbiamo una grande libertà: possiamo SCEGLIERE come viverli.
    Vivere profondamente penso sia gioire fino alle nostre radici dei doni che riscaldano il cuore aprendolo senza limiti e paure e cogliere i momenti di dolore come una nuova opportunità per dimostrare a noi stessi quanto coraggiosi siamo, quanto forti siamo, quanto potente sia l'Amore che fa muovere l'Universo.

    Grazie per le vostre parole!!!

    Grazie Elena dal profondo del mio cuore!!!!!!

    Silvia ;-)

    RispondiElimina

Vostri e miei Raggi di Sole ^^